Il peso di niente.

 

Io vorrei salvare il mondo e non so proteggermi neanche da me.

Da me quando mi spoglio e abbandono le maschere che grondano colore in ogni angolo della casa, da me quando chiudo il box doccia convinta che questa volta l’acqua calda non mi farà arrossare la pelle, da me che arrivo sempre tardi su qualsiasi maledetto anticipo, da me che sbaglio i tempi verbali pur di fermare lo stancante passare dei giorni troppo lontani da quello che voglio, da ma che corro sotto la pioggia e non so se piove dai miei occhi o piange il cielo o sono solo io, lì ferma sotto le nuvole e dentro il temporale. Da me che aspetto e ho freddo e ho le tasche bagnate di scroscianti attese ripiene di silenzi e vuoti d’aria. E aspetto e il sole arriverà solo domani e forse sarà tardi per cancellare tutte queste righe in cui nuoto anzi sopra cui galleggio perché non voglio dire nulla sentire nulla muovere nulla. Stare solo, in questa distesa di parole che non saranno mai leggere come l’aria che mi è mancata oggi e che mi manca adesso che spreco i respiri per sembrare più viva a me stessa. Non so salvarlo il mondo, e nemmeno me. E allora insegnami tu a salvare tutto perché all’inizio del tutto c’è sempre Tu e io non lo so come si fa a non aver paura. Ancora non lo so.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Il peso di niente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...