The very inspiring blog award (ovvero come sentirsi a disagio in 7 semplici mosse)

 

veryinsp

Prima di tutto ringrazio Lara per la nomination al The Very Inspiring Blogger Award e spero si senta un po’ in colpa per avermi obbligato a fare quello che sto per fare. E spero anche di vincere un ghiacciolo al limone.

Le regole del premio sono
1. Ringraziare il/la blogger che vi ha nominato.
2. Elencare le regole e visualizzare il logo del premio.
3. Condividere 7 fatti su di voi.
4. Nominare 15 blogger e notificargli la nomination.

Adesso, descrivermi di per sé è già problematico, farlo in 7 punti (sebbene il 7 sia un numero carino ed evocativo) è una condanna, ma andiamo avanti.

1- Nella vita faccio traslochi, sto programmando il 18esimo trasloco (in 10 anni di vita fuorisede). Mi piace spostarmi ma odio i traslochi perché perdo tutto, mi piace tagliarmi le radici non appena provo a mettercene, mi piace ricostruirmi uguale e diversa ad ogni casa e città cambiate. Amo i luoghi in cui vivo ma non mi ci affeziono abbastanza da provarne nostalgia quando li lascio. Credo sia un bene e un peccato contemporaneamente.

2. Non ricordo nulla, non so se per qualche strano meccanismo di rimozione o perché sono distratta o perché di molte cose non me ne frega niente e non mi restano nel cervello o sotto pelle. Poi invece ogni tanto qualche ricordo riaffiora e ovviamente è una merda perché capisco che non ho dimenticato ma solo rimosso e devo farci i conti e rielaborare e tutte quelle cose che fanno le persone per stare bene con se stesse.

3. Non sto bene con me stessa, ma nemmeno con gli altri in verità. Ma più con me stessa, tanto dagli altri se posso scappo. Scappo molto, quando non sto bene, oppure faccio le valigie e trasloco.

4. Dicono sia molto cinica, ed è vero, dicono anche che io sia ipersensibile ed è vero anche questo. Mi piace stare in compagnia ma adoro stare da sola, sono logorroica e capace di passare anche tre giorni senza emettere fiato.

5. Mi piace scrivere, scrivo da quando ho memoria (no, non è vero, scrivo da quando ho imparato a scrivere e la mia prima parola scritta è stata APE). Da bambina scrivevo poesie ma poi ho smesso perché la maestra le fece leggere in pubblico. Mi vergognai molto, a dire il vero mi vergogno anche adesso. Ho aperto questo blog ma posto quasi sempre di notte perché così leggono in pochi oppure non legge nessuno. Lo so, non funzionano così i blog ma tant’è. Mi vergogno. Però mi piace l’idea che qualcuno si riveda in quello che scrivo, che lo senta, mi piace anche quando non lo sento io, ché non è mica completamente vero tutto quello che scrivo. Molto sì, non tutto però.

6. Sono perennemente insoddisfatta il che da un lato mi spinge a far sempre meglio e dall’altro invece mi getta nel più completo sconforto. Ovviamente quest’ultima cosa avviene più spesso della prima ma ci sto lavorando, così un giorno potrò scrivere in bio che sono solare ma anche un po’ pazza.

7. odio i punti elenco, davvero li detesto, capisco che siano funzionali ma mi gettano nel panico più totale però per fortuna è quasi finito.

Adesso vi beccate i 15 blog consigliati, anche se Lara me ne ha rubati un po’ e quindi eviterò di essere ripetitiva :

1. Alicettah, perché purtroppo e per fortuna abbiamo molto in comune, tipo un blog all’opposto di quello che facciamo vedere di solito.

2. Zoidiakos, perché è una nuova scoperta  e perché mi fa ridere

3. Martina che spesso scrive quello che sento io e come piace a me

4. Gloria anche se ha il blocco dello scrittore ma la testa piena di parole da mettere in ordine

5. Raimondo, perché fa i sogni e cerca anche di spiegarseli, e poi perché è nella top 3 dei coinquilini

6. Brus, perché non abbiamo niente in comune ma ci sopportiamo lo stesso

7. Maurizio, che è completamente folle e trasforma le parole in coltelli affilati

8. Alessia perché ha messo in piedi un bel progetto e la ammiro per avercela fatta

9. Un blog collettivo  dove si scrive bene, ma bene per davvero

10. Uomoconbarba perché parla con le foto ma non solo

11. Morbilla perché è intelligente e perciò sempre incazzata

12. Gabriele, per  dargli il benvenuto

13. Martina che ha il blog più originale di tutti i tempi

14. Erotic Art Drops, e no, non è proprio per farvi masturbare

15. E ultima ma non ultima la Vale che è autoironica e poi mi vuole bene

Che fatica. Mi odierete tutti e 15, lo so.

 

Annunci

7 Pensieri su &Idquo;The very inspiring blog award (ovvero come sentirsi a disagio in 7 semplici mosse)

  1. oh sì, mi sento molto in colpa in effetti. no, per niente. mi piace leggerti, il modo in cui ti descrivi, e abbiamo dei colori in comune e no, non sono colori chiari-solari-pazzi.

  2. Oh, leggo ora: sai com’è, bulimia da blog. E’ ciclica. Pensa che ho anche cambiato nome e indirizzo blog: così, stamattina alla cazzo.
    Comunque, odio ‘ste catene, davvero.
    Ma siccome ti voglio bene, appunto, e nonostante il maniacale ritardo, cercherò di fare qualcosa 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...